Re Valdo e il drago, ovvero una bella storia fatta di cavalieri “senza paura”

Re Valdo e il drago, ovvero una bella storia fatta di cavalieri “senza paura”, un castello invincibile con tanti draghi e bestie paurose che fanno da contorno. 

I bambini adorano i giochi simbolici, fatti di fantasia ed immaginazione. Molto spesso i miei figli, Filippo (il piccolo), ma qualche volta anche Lorenzo (anche se è grandicello) si divertono a costruire dentro casa rifugi e/o castelli fatti di lenzuola, cuscini e qualsiasi altro materiale che sia a portata di mano, con buona pace della mamma e dell’ordine casalingo. 

Re Valdo e il drago libro illustrato
Valdo, Teo e Berto vogliono fare un castello per re Valdo e i suoi uomini, invincibile e bello.

Passano intere giornate ad inventarsi storie di cavalieri e mostri da combattere e non vorrebbero smettere mai. Li vedi duellare con le loro spade di legno, i loro mantelli, gli scudi e le corazze. Proprio come Valdo e i suoi amici nel bellissimo libro scritto da Peter Bently e illustrato da Helen Oxenbury. 

Nel libro Re Valdo ed il drago, Valdo e i suoi due amici (Teo e Berto), ci fanno vedere quanto sia bello perdersi in un gioco come quello di difendere il proprio castello. Grazie al potere della fantasia, una scatola di cartone, qualche mattone ed un telo. I nostri amici ci mostrano come vivere avventure eccezionali. 

Re Valdo e il drago libro per la buonanotte
Siete pronti miei prodi a combattere il drago? Difendete il castello!

“Siete pronti miei prodi a combattere il drago? Difendete il castello!” Così Re Valdo incita i suoi valorosi cavalieri (senza cavallo però) ad affrontare una moltitudine di feroci draghi e bestie, che abilmente vengono messi in fuga. 

Come nel più classico dei racconti, dopo la vittoria, ci sono i festeggiamenti, che purtroppo vengono interrotti da un “gigante” che si porta via Teo a casa… Valdo e Berto non fanno in tempo a riorganizzare le difese contro i draghi, che anche Berto viene portato via da un altro “gigante” per andare a letto. 

Re Valdo e il drago, cavalieri e draghi
Fa niente! Due contro un drago vincono certamente!

Nonostante scenda  la notte Re Valdo non si perde d’animo e seduto sul suo trono si fa coraggio da solo, anche se i rumori intorno a lui iniziano ad intimorirlo non poco.  

Il vento che soffia, un topo che corre sul tetto, una rana che gracida, un gufo che gufa. “Non è niente, è normale!” Dice Valdo nascosto sotto il manto regale per farsi coraggio. 

Ma all’improvviso…. il rumore di una cosa a quattro piedi!

“Papà, mamma aiuto!” Esclama Valdo atterrito da quei tetri passi. 

Per fortuna il rumore della “cosa” è proprio quello della mamma e del papà che lo prendono per portarlo a letto.

Il libro si conclude con la tenera frase di Valdo “lo sapevo che non eri un drago”. 

Lo sapevo che none ri un drago
lo sapevo che non eri un drago…

I bambini sono così, non vorrebbero mai smettere di giocare, ma poi arriva l’ora di andare a dormire e magari di leggere un bellissimo libro della buona notte (come quello di Re Valdo e il drago) per addormentarsi e fantasticare. Un racconto semplice e diretto, con immagini che arrivano dritte al cuore, insieme alle tenere parole del racconto. 

re valdo e il drago
“Ti abbiamo spaventato”, la mamma si scusa. “Ma è l’ora che i re ritornano a casa.”

Per i bambini non c’è niente di più bello che perdersi in un gioco dove difendere il proprio castello, amplificando la fantasia e vivendo avventure eccezionali, proprio come quelle dei libri. 

Re Valdo e il drago è un libro di Peter Bently (testi) e Helen Oxenbury (illustrazioni) edito da Editrice Il Castoro.

Grazie ad Arianna per averci prestato questo bel libro.

Puoi acquistare il libro  su Amazon.it e contribuirai a comprare nuovi libri da recensire.

Se ti piace lo scudo in legno con sopra il drago che vedi in foto, lo puoi acquistare su Amazon.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *