Il grande ascensore di cristallo di Roald Dahl (+ 8 anni)

Il grande ascensore di cristallo (Charlie and the Great Glass Elevator) scritto da Roald Dahl è il seguito della fabbrica di cioccolato.  In quanto seguito di un capolavoro, dovrebbe esserne all’altezza, ma non lo è totalmente. Questo non significa che sia un brutto libro, anzi tutt’altro, è un libro piuttosto affascinante, un romanzo di fantascienza, un avventura a se stante, che può essere letto indipendentemente dalla fabbrica di cioccolato.

In questo bellissimo racconto, Road Dahl ci fa viaggere nello spazio a bordo di questo fantastico ascensore di cristallo, trasparente e robustissimo, ricco di mirabolanti caratteristiche che gli consentono di arrivare nello spazio e sprofondare fino alle viscere della terra.

A “pilotare” l’ascensore di cristallo, troveremo il signor Willy Wonka, (ex) proprietario della fabbrica di cioccolato, che con fantasmagoriche trovate riuscirà sempre a tirarsi fuori dai guai.

Anche questa volta ad accompagnarlo in quest’avventura, Charlie e i suoi familiari (lo stesso “team” della fabbrica di cioccolato), che nel loro viaggio incontreranno un hotel spaziale infestato dai Nidi Vermicolosi, andranno nuovamente alla fabbrica di cioccolato ed affronteranno l’invenzione della wonkavite e tutti i rischi che essa comporta, ed il viaggio per Minuslandia e tante altre avventure mirabolanti.

Il grande ascensore di cristallo è  adatto per bambini dagli 8 anni in su, consigliato anche per gli adulti.

Le illustrazioni sono di Quentin Blake.

Road Dahl nasce il 13 settembre del 1916 nel Galles da genitori norvegesi. Vive la sua vita tra l’Inghilterra e l’Africa dove lavorare per una compagnia petrolifera. Durante la seconda guerra mondiale, si arruola come pilota della RAF, cadendo al suolo durante la prima missione presso il confine libico. Dopo il congedo  viene inviato negli USA per il controspionaggio dove si occuperà di propaganda e spionaggio. Qui scoprirà la sua vocazione come scrittore.


Tra le sue opere, anche la sceneggiatura di “Si vive solo due volte” il film di James Bond ed il soggetto di Gremlins e Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (regia di Mel Stuart, con Gene Wilder).

I suoi libri più noti vedono la luce negli anni ’80 con il GGG, le streghe (1983) e Matilde, gli sporcelli, la fabbrica di cioccolato e il grande ascensore di cristallo.

Road Dahl è noto anche per aver contribuito alla sviluppo della valvola WDT (Wade-Dadl-Till), necessaria per contrastare gli effetti dell’idrocefalia.
Muore di leucemia nel 1990.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *